La Cassazione conferma la decadenza dall’ecobonus senza la comunicazione all’ENEA

Per poter beneficiare della detrazione IRPEF/IRES relativa agli interventi di riqualificazione energetica degli edifici (c.d. “ecobonus”), è necessario inviare l’apposita comunicazione all’ENEA entro il termine di 90 giorni dall’ultimazione dei lavori.L’eventuale omissione può essere sanata con l’istituto della remissione in bonis entro la “prima dichiarazione utile”. Nel caso l’adempimento non sia eseguito, la detrazione fiscale […]

Superbonus per il fotovoltaico con utenza intestata ad un terzo

Ai fini della fruizione del superbonus, per l’installazione di un impianto fotovoltaico come intervento trainato, non deve necessariamente esserci coincidenza tra il beneficiario della detrazione fiscale e l’intestatario dell’utenza elettrica e conseguentemente anche del contratto di cessione dell’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico al GSE.

Dl Aiuti quater le ultime modifiche al Superbonus spiegate dall’Ance

Salvaguardia del Superbonus al 110% per il 2023 con condizioni molto stringenti per i condomini, i “mini condomini” con unico proprietario, le ONLUS e le APS. Negli altri casi, nel 2023 la percentuale del beneficio scende al 90%.Per le unifamiliari, proroga del 110% fino al 31 marzo 2023 solo con realizzazione del 30% dei lavori […]

Iva ordinaria per la cessione dell’immobile collabente

Le cessioni di fabbricati collabenti sono da assoggettare a IVA con aliquota ordinaria, perché tali fabbricati sono iscritti nella categoria catastale F/2 per la quale non è previsto il regime di esenzione ex art. 10 co. 1 nn. 8-bis e 8-ter del DPR 633/72.

Superbonus sulle villette: I chiarimenti dell’Ade

Per gli interventi effettuati su edifici unifamiliari e unità immobiliari “indipendenti e autonome” site in edifici plurifamiliari, il superbonus, spetta: per le spese sostenute entro il 30 giugno 2022 a prescindere dal completamento di almeno il 30% dei lavori entro il 30 settembre 2022; sulle spese sostenute tra il 1 ° luglio 2022 e il […]

Irrilevante la residenza e la dimora abituale del nucleo familiare ai fini IMU

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 209 del 13 ottobre 2022, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale della disciplina IMU in materia di abitazione principale laddove richiede, ai fini della qualifica dell’immobile quale abitazione principale (e delle agevolazioni IMU che ne discendono), il requisito della residenza anagrafica e della dimora abituale non solo in capo possessore, […]