L’aliquota del superbonus con sconto integrale dipende dalla data inserita nella fattura

L’aliquota del superbonus con sconto integrale dipende dalla data inserita nella fattura

Una fattura in cui viene riportato lo sconto sul corrispettivo “integrale” dell’importo dovuto per effetto del superbonus, trasmessa negli ultimi giorni di dicembre 2023 e scartata dallo SDI, consente comunque di conservare i requisiti formali e sostanziali per beneficiare dell’agevolazione nella misura del 90% o del 110% se il suo re-inoltro avviene nei cinque giorni successivi alla ricezione del messaggio di scarto, perché le spese si considerano sostenute nel 2023.
Inoltre, sempre nel caso di sconto “integrale” per interventi superbonus, ai fini dell’individuazione del momento di sostenimento della spesa è possibile dare rilevanza alla data indicata in fattura, corrispondente all’effettuazione dell’operazione (ossia al pagamento, anche tramite l’equivalente sconto), sempreché la relativa fattura sia stata trasmessa allo SdI nel termine di 12 giorni e ricorrano gli ulteriori requisiti formali e sostanziali previsti dalla disciplina del Superbonus con aliquota al 90%/110%.

Questo contenuto
è riservato ai soci Ance Verona.
Per la visione completa è necessario associarsi.