Non spetta l’agevolazione “prima casa” se ne ha già fruito il coniuge in comunione dei beni

Non spetta l’agevolazione “prima casa” se ne ha già fruito il coniuge in comunione dei beni

L’acquisto in comunione legale dell’abitazione, usufruendo dell’agevolazione prima casa, impedisce ad entrambi i coniugi una nuova acquisizione con il beneficio fiscale, anche se a fruire dell’agevolazione era stato solo uno dei due relativamente alla sua quota di proprietà.

Questo contenuto
è riservato ai soci Ance Verona.
Per la visione completa è necessario associarsi.