Canoni di locazione non percepiti: Per gli immobili commerciali i canoni vanno tassati fino alla registrazione della risoluzione

Canoni di locazione non percepiti: Per gli immobili commerciali i canoni vanno tassati fino alla registrazione della risoluzione

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza del 9 gennaio 2024 numero 746, ha stabilito che i canoni di locazione di immobili commerciali devono essere dichiarati e tassati dal locatore, indipendentemente dalla loro effettiva percezione, fino a quando il contratto rimane in vigore. Si specifica che in questo contesto non si applicano le eccezioni previste dall’articolo 26 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR) per la detassazione dei canoni di locazione di immobili abitativi non percepiti a causa di morosità del conduttore. Inoltre, la risoluzione anticipata del contratto può essere opposta all’Amministrazione finanziaria solo se è stata registrata, perché solo a partire da questo momento, la risoluzione assume data certa ai sensi dell’articolo 2704 del Codice Civile.